Zillion II: The Tri Formation (1987)

Sembra Akira ma non è (di Winona Raiden)

Cosa c’è di più cyberpunk di un tizio con il giubbotto di pelle e una moto pronta a essere lanciata a tutta velocità in mondi tanto tecnologici quanto degradati? Non lo so, ce lo spiegheranno gli altri Bit-Elloni nei prossimi Venerdì di Novembre! Personalmente vi invito invece a riscoprire questo titolino uscito esclusivamente su Sega Master System e conosciuto meno di quanto meriterebbe!

TRAMA

Anno 2387: dopo essere riusciti a disfarsi dei malefici Noza nel titolo precedente, la minaccia si ripresenta. Il pianeta Maris è di nuovo sotto attacco e questa volta i nemici si sono attrezzati di una nuova, sicurissima fortezza sita proprio ai confini della galassia. Cosa vogliono questi alieni? Invadere il nostro pianeta, e il white power dell’Elite dei Cavalieri Bianchi non può permetterlo. “Espugniamoli a casa loro!” è il grido di battaglia di JJ, che a mali estremi pone estremi rimedi e si dota di una motocicletta che farebbe invidia al protagonista di “Easy Rider”. Infatti, se power-uppata a dovere, può diventare un robottone da far invidia a Elon Musk (sì, il suscitare invidia è colonna portante di Zillion II) e da far tremare di paura ogni Noza che si presenti sulla sua strada!

“Mecojoni!”

GAMEPLAY

Zillion II è un platform a scorrimento orizzontale, genere che tanto piaceva alla SEGA ai tempi del Master System e a me anche tutt’oggi. Si procede quindi a tutta velocità, incalzati dal lato sinistro dello schermo che ci sta alle calcagna lasciando spazio a davvero pochi tentennamenti. Si comincia con JJ in sella alla moto, sparato a mille nei meandri della fortezza Noza e addosso ai droidi, dalle più disparate forme, che la popolano. Il compito è chiaramente quello di farsi strada seminando pezzi di lamiera come fossero coriandoli il giorno di Carnevale, aiutandosi coi diversi power-up che riusciremo ad acchiappare lungo la strada, fino a permettere alla moto di diventare un robot volante piuttosto utile e comodo.


La prima difficoltà che incontrerete è quella della disposizione dei tasti salto\sparo invertita rispetto al solito e che potrebbe farvi rischiare la scomunica, ma una volta rieducata la memoria delle vostre dita sarà tutto un po’ più semplice e potrete affrontare con più consapevolezza gli 8 livelli e relativi boss.

GRAFICA & SONORO

Indossate gli occhiali da sole se avete le cornee deboli! All’inizio Zillion II si presenta con un modesto verdino ospedale, ma procedendo stage dopo stage i colori si accendono realizzando un’atmosfera che oggi chiameremmo, molto commercialmente, Vaporwave, ma che quella volta si chiamava “c’ho una palette di colori e la sparo a 1000 che fa tanto cybbberpunke”. Il risultato a me piace parecchio, perché con ste cose mi si compra facilmente, e comunque i dettagli dell’astro-bastiglia sono sì pochi ma molto curati. Inoltre il personaggio è stato realizzato in maniera estremamente fedele rispetto all’anime.

The Final Boss is Vaporwave af あゥ永

Per quanto riguarda la “sigla” che, arrangiata in modi diversi, accompagna tutto il gioco, presa di per sé non è malaccio ma la sua flemma stride con la febbrilità di Zillion II e fa pensare che, tutto sommato, abbiano preso gli avanzi di qualche altro titolo a caso e li abbiano appiccicati su questo. Con tutto il rispetto per i compositori!

LONGEVITÁ

Che dire Bit-Ellini e Bit-Elline, su YouTube c’è un longplay che dura la pochezza di 21 minuti ma siccome siamo in vena di luogo comune possiamo concederci il lusso di supporre che si tratti di un asiatico. Voi, che non siete dotati di occhi a mandorla e talento per tutto, morirete spesso e avrete bisogno di ben più di 21 minuti per chiudere la partita.

REPERIBILITÁ/COME CACCHIO CI GIOCO

Se andate su My Abandonware lo trovate facile e senza scontentare nessuno!

CURIOSITÁ

  • Zillion e Zillion II sono ispirati all’omonimo anime. Le puntate andarono in onda per la prima volta nel 1987 e lo stesso anno vennero rilasciati entrambi i giochi: un’impresa di produttività più unica che rara!
  • Pare che non si riesca a mettersi d’accordo sul titolo di questo gioco: ne esistono almeno 4 diciture diverse!
  • La pistola di JJ è stata usata come modello per realizzare la Light Phaser del Master System.

    La somiglianza è palese

CONCLUDENDO

Zillion II è un titolo misterioso, del quale si reperiscono molte poche informazioni online. Potete però auto-informarvi giocandoci direttamente, e se amate le storie sci-fi e i giochi difficoltosi rappresenterà per voi una bellissima sfida!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...