THE LEGEND OF ZELDA CLASSIFICA SHOW

DAL PEGGIORE AL MIGLIORE (fino al 2000).
di Starfox Mulder

Togliamoci il dente in apertura: non sarete d’accordo con questa classifica ed io la pubblico apposta. Già, perché siamo tutti inevitabilmente schiavi del nostro ego e per quanto consci che nessuna classifica rappresenterà i nostri personali gusti le andiamo comunque a vedere tutte per poterle criticare.
STACCE, passiamo oltre.


Fatta questa dovuta premessa andiamo a svelare un curioso arcano: siamo aperti da oltre 4 anni e non abbiamo mai recensito un singolo gioco della serie The Legend of Zelda. Come mai? Semplice: perché è come tifare Juventus. Non me ne abbiano i gobbi ma si vince troppo facile. Tutti conoscono la saga di Link e parlare di un gioco della premiata serie equivale ad attirare opinioni di gente che non legge l’articolo e spara solo la sua opinione sullo stesso. Quindi li tratto tutti in una volta, ovviamente in fretta ed ovviamente ignorando tutto quanto uscito dopo il nostro endgame spirituale dell’anno 2000. SIGLA

ULTIMO POSTO (UN TRIPLO PARIMERITO):
LINK THE FACE OF EVIL /
ZELDA: THE WAND OF GAMELON /
ZELDA’S ADVENTURE
(Philips Cd-I)

Nei primi anni ‘90 Nintendo ebbe la funesta idea di concedere su licenza alcune sue IP alla Philips per il suo CD-I e questi le passarono a due studi di sviluppo: Animation Magic e Viridis.
I primi confezionarono due giochi action-adventure animati da schifo, disegnati peggio e con il carisma di chi sta palesemente cercando di vendervi il nulla confezionato da “ho un nome importante”. Roba capace di far rimettere anche il nostro Magnum Cd-I (e non è sfida semplice).
I Viridis non se la sono realmente cavata meglio con il loro Zelda’s Adventure ma gli va concesso di aver provato a fare qualcosa di originale, fallendo miseramente e creando un bignami di tutto quello che non ci mancherà di quel periodo.

POSIZIONE NUMERO 6
ZELDA II: THE ADVENTURE OF LINK (Nes)

Rapire bambini ed appoggiarli nei punti più assurdi andava un casino quell’anno.

Mi spiace un po’ metterlo all’ultimo posto tra gli Zelda seri, perché a suo modo è un gioiellino. Dopo il primo epocale capitolo la saga non sapeva ancora dove sarebbe andata a parare e qui si decise di scommettere sull’action adventure 2D a scorrimento orizzontale. Non più visuale a volo d’uccello (tranne nella mappa di gioco) ma un Link che salta, si abbassa, attacca e lancia magie in un’esperienza che poi verrà riproposta ampliata in quel capolavoro che fu Faxanadu. Probabilmente lo Zelda più hardcore del mucchio, da giocare solo se siete pronti a farvi un mazzo tanto!

POSIZIONE NUMERO 5
THE LEGEND OF ZELDA: MAJORA’S MASK (NINTENDO 64)

In basso al centro notare il counter dei 3 giorni di vita che vi mancano. Per niente preoccupante…

Dopo Ocarina of Time la situazione era complessa. Toccava fare il seguito del gioco che seppe prendere il massimo dei voti anche sulle riviste della concorrenza e andava fatto in pochissimo tempo. Eiji Aonuma accettò la sfida e riciclando moltissimo dal precedente capitolo confezionò una bomba micidiale che poteva rivaleggiare con il pesante predecessore in quanto a trama, se non addirittura superarlo (se siete del genere che le atmosfere cupe vi esaltano). Fatalista, ansiogeno, con una meccanica del tempo che vi obbliga a finire il gioco entro 3 giorni o riavvolgere la clessidra ancora ed ancora finché non sarete riusciti a posizionare tutte le pedine nel modo corretto per assicurarvi un accesso all’ultimo dungeon situato proprio su quella luna che sin da subito minaccia di schiantarsi sul nostro mondo. Sicuramente il miglior canto del cigno per una console.

POSIZIONE NUMERO 4
THE LEGEND OF ZELDA (NES)

Link VS il Terzo Reich (notare la mappa del dungeon in alto a sinistra)

Tutto ebbe inizio da qui e per dare una tara di quanto questo capitolo fece scuola, dopo di lui tutti i giochi del genere sono definiti “alla Zelda”. Ad oggi è ancora giocabilissimo ed entusiasmante, pieno di particolari che nel tempo verranno rifiniti all’inverosimile ma comunque già gonfio di ogni idea che caratterizzerà la serie nei capitoli a venire. Cuori da trovare, dungeon con “strumenti da recuperare”, oltre al trittico Bussola+Mappa+Boss, e la mitologia classica con Ganon come mostro finale. Se questo gioco non è finito sul podio è solo perché alcuni seguiti sono riusciti a fare davvero meglio.

POSIZIONE NUMERO 3
THE LEGEND OF ZELDA: LINK’S AWAKENING (GAMEBOY)

Zero colori, schermo (quasi) quadrato e carisma da vendere.

Il primo (ed unico in questa classifica) capitolo portatile fu un miracolo. I possessori di Gameboy dovettero attendere 4 anni dal lancio per avere il loro Zelda ma quel che Nintendo riuscì a far stare in una piccolissima cartuccia ha ancora dell’incredibile. Nonostante il titolo, stavolta di Zelda non c’è manco traccia e tutta l’avventura risulta in un viaggio onirico (l’ha vissuto realmente?la sognato?) del solo Link, impegnato ad esplorare un’isola più viva che mai e irta di enigmi. Tra i capitoli ad 8 bit questo è il must assoluto!

POSIZIONE NUMERO 2
THE LEGEND OF ZELDA: A LINK TO THE PAST (SNES)

La signora su TripAdvisor non risulta.

Fare meglio senza stravolgere nulla ma pompando ogni idea al massimo era il diktat di chi sviluppava per Super Nintendo. La stessa console che ospitò il miglior Metroid di sempre e il Super Mario definitivo (siamo seri, dopo di quello è tutto derivativo sul fronte del 2D) ci deliziò con il miglior Zelda in 2D possibile. Grafica eccellente, trama curata e piena di momenti epici, un numero elevatissimo di dungeon e la meccanica dei due mondi speculari da esplorare che settò un nuovo “si fanno così le cose belle” poi copiato da più e più videogames (soprattutto della concorrenza). Ho francamente perso il conto delle volte che l’ho finito ma so che il manualetto di indizi contenuto nella scatola del gioco fu la ragione per cui studiai inglese. Definitivo!

POSIZIONE NUMERO 1
THE LEGEND OF ZELDA: OCARINA OF TIME (NINTENDO 64)

A 2 minuti dall’inizio del gioco e già si era capito di vivere una roba del tutto nuova.

Sono praticamente sicuro che la maggior parte di voi avesse intuito il primo posto prima di aprire l’articolo. Potevo fare l’hipster che piazzava qui Majora ma non prendiamoci in giro: Ocarina è il Re. Si potrebbe parlare di come il genere delle avventure in 3D diventò davvero giocabile solo dopo l’uscita di questo titolo o di come Nintendo riuscì a superare le aspettative più alte che ci siano mai state per un gioco (la saga non aveva fatto che innovare, capitolo dopo capitolo…non son bazzecole), ma la verità è che l’impatto fu devastante e chi ebbe modo di giocarci appena uscito riuscì solo a dire: Wow!
Ora lo possiamo giocare su varie console uscite successivamente ma devo concedere al maledetto tridente che sembrava creato apposta per Ocarina of Time. Se non siete nemici del videogaming: dovete giocarlo!

CONCLUDENDO
Come detto in apertura: ogni classifica nasce per essere contestata. Quindi fatelo, offendetemi per le mie opinioni o schieratevi con Magnum e la sua ostilità per l’intera saga, ma qualsiasi sia la vostra opinione: se non avete giocato i The Legend of Zelda, fatelo subito! (…a parte i capitoli per CD-I)

7 pensieri su “THE LEGEND OF ZELDA CLASSIFICA SHOW

  1. Denis

    Li hi giocati in pratica tutti tranne i primi due in classifica, in Majora Mask ci si poteva anche trasformare in Goron e altro è c’è pure la meccanica delle maschere,
    A link to the past mi ha preso meno perchè ho giocato al suo corrispettivo che univa ottimi filmati in stile anime e musica da cd il sommo Alundra.
    Di Super Mario intendi il Land 2?

    "Mi piace"

  2. Beh, sono d’accordo. E tifavo pure Juventus (XD)
    Tranne che mi sono persa quella “roba lì” all’ultimo posto e…il Link da Gameboy! ne ignoravo l’esistenza proprio, mi sa che mi tocca recuperare in qualche modo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...