ITALIA 1944 – PARTE I (ZX Spectrum)

This Machine kills fascists (di Starfox Mulder)

Finalmente si torna ad ammazzare nazi!

Italia centrale, luglio 2021.
Starfox Mulder si scioglie di caldo mentre, alternando giochi nuovi (il caldo mi fa sto effetto) a retrò, realizza che la roba uscita su Spectrum è ampiamente migliore di quella uscita per Xbox Series X.
Ma basta parlare di me stesso in terza persona, è arrivato il momento di lanciare l’annuncio:
Alessandro Grussu ha fatto uscire il suo nuovo gioco e (spoiler): è una bomba.
A metà tra gioco di ruolo ed avventura grafica, con una trama eccellente e un gameplay inattaccabile, quest’oggi vi beccate la prima parte della recensione doppia di ITALIA 1944.
Perché doppia? Perché nonostante se lo acquisterete avrete il titolo completo in entrambe le sue metà, di fatto sono due giochi separati e potrete accedere al secondo solo dopo aver terminato il primo e sbloccato il codice di accesso.
Pronti? Imbracciate il fucile, qui si va ad ammazzare imbecilli che marciano al passo dell’oca (cit.)!
SIGLA

TRAMA
[Tutto quello che segue è estrapolato dal coloratissimo manuale di gioco]

Italia centrale, aprile 1944. Il Sud e la Sicilia sono stati occupati dagli Alleati, che ora procedono verso il Nord, territorio della Repubblica Sociale Italiana, stato fantoccio della Germania nazista. Lungo la linea Gustav, che percorre la penisola italiana dal Tirreno all’Adriatico, la 10ma armata della Wehrmacht oppone una strenua resistenza. Le gravi perdite subite dagli Alleati dopo lo sbarco di Anzio inducono gli alti comandi a tentare di aggirare l’ostacolo, spezzando la linea Gustav più a est, dove la concentrazione di forze nemiche è al momento minore.
Nella zona opera il Corpo Italiano di Liberazione, costituito il 22 marzo e formato da militari italiani che hanno scelto di opporsi ai tedeschi e ai fascisti. Tu sei un membro delle forze speciali e sei stato selezionato per una missione ad alto rischio, ma che potrebbe, in caso di successo, dare un contributo decisivo agli Alleati nella campagna d’Italia. La tua abilità dimostrata sul campo durante la guerra in Nordafrica e la tua perfetta conoscenza del tedesco ti rendono il candidato ideale per questo compito.

Death (to) SS

LA TUA MISSIONE: Mezzanotte del giorno X. Ti sei lanciato col paracadute dietro la linea del fronte nei pressi di un villaggio, dove si trova il quartier generale delle forze naziste nella zona. Il villaggio è situato al di là di un fiume attraversato da un ponte. I tedeschi sorvegliano l’area ed hanno posto un forte presidio dal lato est del ponte, prevedendo un possibile attacco da parte nostra. Inoltre hanno installato tre cannoni antiaerei tipo Flak da 88 mm, che ostacolano l’azione degli aerei alleati. Il tuo primo obiettivo sarà far saltare in aria i Flak con delle cariche di esplosivo paracadutate assieme a te. Pertanto dovrai recuperare l’esplosivo nei pressi del tuo punto di atterraggio. Quando avrai distrutto tutti i Flak, potrai entrare nel villaggio, dove ti attenderà il contatto con la Resistenza locale, che ti darà le informazioni necessarie al proseguimento della missione. Hai tre giorni di tempo, prima che arrivino i rinforzi richiesti dal quartier generale tedesco. Avrai bisogno dell’aiuto dei partigiani anche per attraversare il ponte. Infatti, non potrai affrontare la guarnigione tedesca a guardia del ponte da solo. I partigiani ti affiancheranno in modo da liberarti la strada. Dovrai trovare il loro nascondiglio, ma non prima di aver guadagnato la loro fiducia. Nella memoria dei partigiani è ancora vivo il ricordo della fuga del re Vittorio Emanuele III e del maresciallo Badoglio subito dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, e molti di loro sono diffidenti verso i militari italiani che combattono nelle file alleate. La tua arma iniziale è una pistola M35, sufficiente ad aver ragione dei nemici meno potenti. Dovrai impadronirti delle armi e degli equipaggiamenti dei nemici per procedere nella missione. Oltre a ciò, nella zona d’operazione vi sono cinque depositi di rifornimenti che potrai assaltare.

Te dici? Ed io invece la consulto e mi faccio pure un selfie mentre attacco un tank a granate!

GAMEPLAY
Ed eccoci a noi.
Italia 1944 è un gioco che si apprende molto velocemente ma (rullo di tamburi che crea suspance)…dovete leggere il manuale!
Già, perché tutto quel che farete in gioco è scorrere dei menu con i tasti 1 e 2 (sinistra-destra con il joystick), confermare la scelta con il tasto 0(fire) o annullare con la barra spaziatrice (su con il joystick), ma le icone che vedrete a schermo tocca che prima ve le impariate.
Tranquilli: non sono tante e se ne acquisisce la conoscenza in 10 minuti, complice anche il fatto che le medesime icone danno subito l’idea di quel che intendono essere.
Qualche esempio?
Icona con mirino = attaccare (poi potrete scegliere se a colpo singolo, raffica, attacco furtivo o bomba a mano)
Icona con orme = muoversi (poi deciderete in quale dei 4 punti cardinali)
Icona con borsello = inventario.
E così di seguito.

La mappa di gioco con tanto di legenda in basso.
A prova di calciatore della nazionale!

Siamo di fronte ad un RPG a turni che mischia esplorazione a strategia. Ogni casella percorsa della mappa ha un suo costo in termini di Energia (la Stamina del nostro personaggio) e tempo, quindi percorrere le strade asfaltate potrebbe da una parte aiutarci a consumare meno Razioni (il power up con cui ricarichiamo l’Energia), ma dall’altra ci esporrà maggiormente ai nemici più potenti, specie durante il giorno. I nemici da affrontare sono comunque parecchio vari e ci converrà rapidamente imparare a conoscerli per selezionare l’arma migliore con cui affrontarli di volta in volta e osservare i punti esperienza che salgono fino a farci passare di livello, così da aumentare una delle nostre 4 caratteristiche (mira, energia, movimento, salute).
Non fate l’errore di immaginarvi una robina tirata su a caso: Italia 1944 è un gioco davvero profondo e variegato.
Alle volte vi troverete a scegliere di tirare il fiato, chiedendo ai contadini incontrati per strada come evitare i tedeschi (per le successive tre caselle) piuttosto che preferire un informazione utile sulla posizione dei partigiani o la possibilità di farsi consegnare qualche derrata alimentare o cassetta del pronto soccorso, e vi garantisco che la scelta inciderà molto sulla partita.
I passaggi obbligati all’interno del gioco sono poi resi più complessi dalle variabili che cambiano ad ogni nuova partita: dove si trovano gli esplosivi necessari a far saltare i Flak? Dove si nascondo i partigiani?
Gestione delle risorse, studio della mappa, combattimenti ansiogeni e molto altro ancora.
Italia 1944 è un gioco di ruolo con pochissimo da invidiare a certi altisonanti nomi del passato.

Bella Ciao mothefuccka!

LONGEVITÀ
Qui mi concentro sulla sola prima parte del gioco e già solo questa richiede un certo impegno. Io l’ho terminato a livello facile (ma ci sono altri due livelli di difficoltà tra cui scegliere) all’incirca alla 15esima partita, ragion per cui non me la sento di definirlo proprio una passeggiata. Di suo va detto che potreste perdere la vita in 5 minuti come dopo un’ora ed una volta terminato sarà probabile che il cronometro dell’ultima partita non superi di molto i 50 minuti.
Come la maggior parte dei titoli per Spectrum, anche qui la ragione è semplice: non è il vostro personaggio ad essere diventato abbastanza bravo da farcela, siete voi ad esserci riusciti!
Partita dopo partita imparerete cosa evitare e su cosa ha più senso investire. I depositi di armi all’inizio vi sembreranno molto ghiotti ma ad una certa potrebbero non rivelarsi più il posto adatto in cui perdere tempo (da ricordarsi che il nostro eroe ha solo 3 giorni in-game per riuscire nella missione).

Sospettavamo una cosa del genere Gio, grazie del tentativo!

Ed una volta finito?
A parte la voglia di provare subito la Parte 2 del gioco, vi rimarrà quel gusto tipico dei prodotti fatti “a mestiere” per cui dire: quasi quasi lo rigioco subito!

Questa screen ha l’esclusivo scopo di bullarmi per averlo terminato, senza spoilerarvi come accedere alla Part 2.

GRAFICA E SONORO
Sul fronte estetico non siamo di fronte al miracolo ma Alessandro conosce molto bene la macchina su cui gira il tutto e ce lo dimostra con sprites puliti e dettagliati, ricchi di chicche che vi sapranno entusiasmare. Il comparto che però mi ha fatto saltare sin da subito sulla sedia è quello sonoro. La sigla di apertura, nonché quella che sentirete subito dopo ogni morte rendendo la vostra dipartita meno infame, non è altri che Bella Ciao rifatta in 8-bit.
Se la conoscete solo per La Casa di Carta…amen, almeno la conoscete!

Pecorino e pere…na crema!

REPERIBILITÀ/COME CACCHIO CI GIOCO

Con mio sommo onore annuncio che Alessandro Grussu ha inaugurato la sua nuova etichetta per la distribuzione digitale: ZANKLE SOFT.
La potete trovare qui:

http://zanklesoft.itch.io

ITALIA 1944 costa 3€ (ma se date di più non sbagliate niente) e comprende sia questo capitolo che il secondo …oltre al finale che è nel terzo file TAP.
Dulcis in fundo, sia il gioco che il manuale sono presentati in 6 differenti lingue: italiano, inglese, tedesco, spagnolo, portoghese e russo.

CONCLUDENDO
Per tirare tutte le somme dovrete attendere la seconda parte della recensione, ma intanto bene chiarire che il primo tempo della partita vede la Resistenza al nazifascismo in fortissimo vantaggio di reti contro la noia e la ripetitività.
ITALIA 1944-Part I è un gioiellino, da cui tenervi alla larga solo se odiate i giochi di ruolo o proprio non ce la fate a leggere il manuale (è pure piccolo…sigh) prima di cominciare la partita.
Per tutti gli altri: Ale Grussu è tornato, lunga vita al Re!

2 pensieri su “ITALIA 1944 – PARTE I (ZX Spectrum)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...