Jet Set Radio (Dreamcast, 2000)

“Sul muro lascia tracce di colore come un codice…” cit. (di Mystical Tango)

Giovani, ribelli e con la voglia di scrivere il proprio nome in ogni dove, in culo alle autorità.
E allora sigla. Anzi, sigle.

jsr.jpg

TRAMA

Impersoniamo Beat. Un writer/rollerblader, che con la propria crew deve cercare di tappezzare la città con quanti più graffiti/tag possibili. A metterci i bastoni tra le ruote avremo la pula, che con manganelli, elicotteri e carri armati cercheranno come potranno di fermarci. È storia nota che quando è ora di manganellare i delinquenti veri, se ne inventino di ogni.

 

jsrpolice.jpg
“Ci hanno già sparato addosso, succede spesso” cit.


GAMEPLAY

Come già accennato, andremo in giro per la città armati di bombole spray e rollerblades. Il nostro compito sarà quello di sfrecciare nel traffico eseguendo trick e dipingendo qualsiasi superficie il gioco ci indichi. Per farlo, una volta piazzati davanti alla superficie da dipingere, dovremo eseguire delle combo/combinazioni di tasti e movimenti della levetta analogica. Lo scopo è eseguire la combo il più velocemente possibile per accumulare più punti e sfuggire agli sbirri.
Andando avanti nel gioco potremo sbloccare gli altri membri della crew.
Quando si parla di giocabilità per quanto mi riguarda, SEGA non è seconda a nessuno, o quasi.
Ci troviamo quindi davanti ad un prodotto di una fluidità devastante. L’avvenuta esecuzione di trick e graffiti dà un senso di appagamento difficile da spiegare.
Ora, l’esecuzione dei trick è molto molto semplice. Non aspettatevi di trovarvi davanti a qualcosa ala “Tony Hawk”. Niente sequenze di trick infiniti, che lasciatemelo dire, per me è un punto a favore. E detto da uno che odia i rollerblades e ha skateato per metà della propria vita vale doppio.

jet_set_radio2.jpg

 

jet set radio main.jpg


GRAFICA E SONORO

Senz’ombra di dubbio il punto forte di tutto l’ambaradan qui.
La grafica è caratterizzata da uno stile “cell shading” super ispirato e coloratissimo. Il design dei personaggi, le movenze e i loro atteggiamenti, volutamente esasperati, richiamano il mondo dell’ Hip Hop.

Contrariamente a quanto possiate credere però nella colonna sonora, di Hip Hop “tradizionale” non ce n’è per niente. Ci sono pezzi J-Pop, funk, acid jazz, elettronica ecc.
Nella versione USA però, potremmo trovare anche qualcosina di metal. Voglio dire… volevamo lasciare i cari bro americani senza il loro metal generico del cazzo? Non sia mai.

ss_80a1456aab4491c6618f7620239d9665cf0f85b4.1920x1080.jpg
‘sup yo?

jet-set-radio.jpg


LONGEVITÀ

Livelli altissimi. Tanti stage. Possibilità di sfidarsi in multiplayer (fino a quattro), ma soprattutto, una giocabilità di prima categoria.
Il che farà si che, anche una volta completato, ci verrà voglia di rimetterci mano anche solo per fare due trick per le vie del centro.

jsr_contest_thumb.jpg


REPERIBILITÁ/COME CACCHIO CI GIOCO

Siete fortunati, cari bit-ellini. Perché anche se sono qui a recensire questa chicca in versione Dreamcast, Jet Set Radio è uscito su ogni cavolo di piattaforma possibile e immaginabile, non scherzo. Di seguito un elenco di tutte le piattaforme sulle quali è uscito: Dreamcast, Windows, PlayStation 3, Xbox, Xbox 360, Game Boy Advance, PlayStation Vita, iOS e Android. Sì, anche Android e iOS.
Però, siccome noi siamo persone serie e il cellulare lo usiamo solo per chiamare la mamma, vogliamo recuperare la versione Dreamcast, no?
Bene, qualche euro se volete accaparrarvi questo capolavoro d’arte moderna bisogna che lo cacciate.
Partiamo dai 25/30 per fino ad arrivare a 100, per le versioni più complete, con tutte le fascette e menate varie. Ma ne vale la pena, garantito.

s-l1600.jpg
Versione giapponese
jetsetradioB.jpg
Versione europea
s-l640.jpg
Versione nord americana (che cambia nome in Jet Grind Radio)


CONCLUDENDO

Top 5 di tutta la libreria Dreamcast, a mani basse. Un capolavoro di stile grafico, colonna sonora e giocabilità. Non è tutto quello che un videogioco dovrebbe avere?
Quando al tempo ci misi mano ero scettico, molto anche per via dei rollerblades che non ho mai sfangato, ma messi da parte i pregiudizi e dopo averlo portato a termine è entrato nell’olimpo dei miei videogiochi preferiti di sempre.
Dategli una possibilità.

Mystical Tango nuovo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...